Achille Perilli

GIORGIO-GRIFFA.jpg

Achille Perilli

Pittore italiano, 1927. Disegna e dipinge frequentando, assieme a Dorazio, lo studio del pittore Aldo Bandinelli.

Nel 1945 con Dorazio, Guerrini, Vespignani, Buratti, Muccini, Maffioletti, fonda il Gruppo Arte Sociale (GAS); collabora alla nascita e alla redazione delle riviste Ariele e La Fabbrica, organo del GAS delle quali esce un unico numero. Nel 1946 espone alla mostra del GAS che si tiene nella sezione del PSI in Via Molise. Nel 1947 partecipa alla redazione del manifesto Forma 1 (firmato oltre che da Perilli, da Accardi, Attardi, Consagra, Dorazio, Guerrini, Sanfilippo, Turcato) che viene pubblicato sul primo numero della rivista omonima. In ottobre espone alla prima mostra del gruppo Forma 1 che si tiene nella Galleria Art Club. Nel ’50 fonda la Libreria-Galleria Age d’Or. Già nel ’51 Lucio Fontana invita l’Age d’Or a collaborare alla Triennale di Milano. Nel 1955 la prima mostra personale alla Strozzina di Firenze. Nel 1958 espone tre opere alla Biennale di Venezia.

Nel 1961 espone con una mostra personale a Città del Messico, e l’anno successivo ha una sala personale alla Biennale di Venezia. Del ’63 è la prima mostra personale a New York, del ’65 la prima personale a Los AngeIes. Nel 1968 è nuovamente alla Biennale di Venezia con una sala personale.

Nel 1977 espone alla mostra personale che si tiene al Palazzo dei Diamanti a Ferrara; e alla prima mostra retrospettiva Dal 1947 al 1977. Lo spazio della pittura, a Trissinoe e nel ’79 è a Parigi, per una mostra personale alla Galerie d’Art National, dove torna, nel 1984, per una mostra retrospettiva degli anni 1969/1984 al Paris Art Center.

Nel 1992 è la volta di una retrospettiva di opere su carta e di libri a tiratura limitata alla Calcografia Nazionale e Accademia di San Luca di Roma e itinerante in Europa. Nel 1997 Vince il Premio Presidente della Repubblica.

Nel 2002 espone nella mostra dal Futurismo all’Astrattismo, Fondazione Cassa di Risparmio di Roma, Museo del Corso, a Roma. Nel 2015 dona l’opera La source, 1967 al Centre Pompidou, Musée National d’arte Moderne, Parigi.

Sito Web dell'Artista: